Gli anni Ottanta: divertimento, ricerca e sperimentazione

Four Note Coro 1984
The Four Note Opera
9 aprile 1984. Tom Johnson Festival. Padova, Auditorium Pollini.
Fin dall’inizio l’idea del nuovo per il nuovo e la voglia di stupire rompendo gli schemi hanno guidato le nostre scelte. Si dava grande spazio alla gestualità, alla teatralità, all’improvvisazione libera e in genere a tutto ciò che gli altri musicisti di estrazione classica non facevano. Dedicammo addirittura un festival ad un minimalista estremo, quel Tom Johnson che aveva già coniato con i suoi articoli nelle pagine del Village Voice di New York il termine minimalismo applicato alla musica.

Di Johnson mettemmo in scena nel 1984, con le scenografe di Maurizio Berti, la sua esilarante opera lirica The Four Note Opera, un’ora e mezza di musica rigorosamente composta su quattro note (La, Si, Re, Mi), e poi presentammo praticamente la sua opera omnia. Eravamo a Padova, non a Londra o a Milano, eppure il festival fu un grande successo, e il pubblico davvero numeroso si rese conto che c’era della musica contemporanea divertente. Ecco un’altra parola chiave della nostra esperienza: divertimento. Ci si divertiva davvero a fare cercando e sperimentando il nuovo in musica.

Autotono Palazzo Moroni 19831
Autotono. Partitura grafica di Sylvano Bussotti e Tono Zancanaro
22 giugno 1983. Padova, Cortile di Palazzo Moroni.
Soprattutto in questi primi anni, coabitava un po’ in tutti noi, insieme alla voglia di divertirsi, la frenesia della sperimentazione. Si provava a mettere in piedi vere e proprie imprese musicali, con tante idee e pochi mezzi, spesso sfdando il pubblico che interveniva ai nostri concerti. Sperimentavamo nuovi modi di proporre l’esperienza musicale, uscendo fuori dai canoni del concerto classico, mischiando le carte delle varie esperienze e competenze artistiche che ognuno di noi portava nel gruppo. L’improvvisazione, l’immagine, la recitazione, il movimento, l’elettronica, l’interazione con il pubblico furono le caratteristiche delle nostre performance di questo primo periodo. Esperienze che sedimentandosi e maturando resero poi possibile la nascita di molte nostre produzioni di uno o due decenni successivi.

Parallelamente alla ricerca sui nuovi modi di proporre l’esperienza e la fruizione musicale, si portò avanti la ricerca sui nuovi suoni. L’elettronica in generale, e la computer music in particolare, hanno costituito da sempre un capitolo importante della nostra esperienza.

Folk Songs 19862
Folk Songs. Luciano Berio
23 e 24 luglio 1986. Padova, Cortile di Palazzo Moroni.
Proprio nel 1984, lo stesso anno del Tom Johnson Festival, demmo vita ad un festival di musica e nuove tecnologie. All’inizio si chiamò Computer Music Festival. Successivamente cambiammo la denominazione in Computer Art Festival, perché accanto alla computer music cominciarono a prendere sempre più spazio le rassegne di computer video, computer poetry e computer dance. E l’esperienza del Computer Art Festival sarebbe stata un lungo flo conduttore di tutta la storia organizzativa di Interensemble.

B. Beggio. Da Interensemble 3.0 - Il punto sui trent'anni

Contributi

I testi di Dinu e Marta Ghezzo, Tom Johnson e Salvatore Macchia pubblicati in
Interensemble 3.0 - Il punto sui trent'anni

Dinu e Marta Ghezzo
Tom Johnson
Salvatore Macchia
Progetti letterari
Progetti letterari
Progetti letterari

Interensemble e Intermusica Associati - © 2010 / 2017 - Tutti i diritti riservati

info@interensemble.it

Codice Fiscale 92024440288 - Partita IVA 01317690285

Interensemble è anche su