A Minimal View - Uno sguardo minimale

A Minimal View - Uno sguardo minimale - Music and Arts

Una mostra, concerti, danza, performance, video e film

Un omaggio al compositore Philip Glass per suoi 80 anni

3 giugno - 2 luglio 2017

 

Una mostra aperta dal 3 giugno al 2 luglio 2017 presso il Centro culturale Altinate San Gaetano con opere selezionate dal call for works A minimal view, un concorso per nuove opere multimediali, come composizioni musicali, testi letterari, video, dipinti, fotografie e sculture, ma anche un ricco calendario di appuntamenti tra concerti, performance di danza e teatro, reading, proiezione di film. Li ha proposti il Comune di Padova in collaborazione con Interensemble, in omaggio al grande compositore americano Philip Glass, capofila del minimalismo musicale, in occasione dei suoi 80 anni.

La rassegna è stata inaugurata sabato 3 giugno alle ore 17 al Centro culturale Altinate San Gaetano con il vernissage della mostra A Minimal View, che riunisce fotografie, pitture, partiture e video selezionati dalla omonima call for works. Gli autori delle opere selezionate sono Mauro Agagliate, Massimo Bardelli, Michele Biasutti, Silvio De Campo, Renata Galiazzo, Annamaria Moro, Elena Pavanello, Asia Ahmetjanova, Anton Svetlichny, Raffaele Cancelliere, Pietro Dossena, Pasquale D’Amico, Lorenzo Squilloni, Vladimi Shuljenko. Alle ore 18 il concerto The Sound of Stones, con Luca Paccagnella al violoncello, che eseguirà musiche di Johann Sebastian Bach e Philip Glass.

Il secondo appuntamento, sabato 10 giugno alle ore 21 nell’auditorium del Centro culturale Altinate San Gaetano, ha visto sul palco Bernardino Beggio al pianoforte e la danzatrice Elena Friso, pure autrice delle coreografie, nell’interpretazione di 10 + 1 - Piano Etudes di Philip Glass, per la regìa di Laura Pulin. Si tratta della prima assoluta di un vero e proprio spettacolo che, in un’ottica minimale, abbina i Piano Etudes di Philip Glass, caposcuola del Minimalismo musicale, alla danza contemporanea.

Mercoledì 14 giugno ci si sposta alla Sala Fronte del Porto al Porto Astra in via Santa Maria Assunta 20, dove saranno proposti: alle ore 21 Vivere senza, reading teatrale da un racconto di Maurizia Rossella, portato in scena da Kairos Teatro, per la regia di Anna Maria Vezù, con le voci di Chiara Comis, Umberto Filippi ed Enrico Speranti e con musiche di Gian Luca Baldi e Bernardino Beggio interpretate dal violinista Alessandro Fagiuoli e la violoncellista Annamaria Moro; In questa serata saranno letti alcuni testi letterari di Gianluca Baldi, Giorgia Monti e Serena Piccolo selezionati dalla call for works.
Alle ore 22.15 Powaqqatsi - Life in transformation, film di Godfrey Reggio con la musica di Philip Glass.

Sabato 17 giugno alle ore 21 nell’auditorium del Centro culturale Altinate San Gaetano appuntamento con il primo concerto dedicato agli String Quartets di Philip Glass (n.4 e n.5), con il Quartetto Paul Klee, ossia Alessandro Fagiuoli e Stefano Antonello, violini, Andrea Amendola, viola e Luca Paccagnella violoncello. Nella stessa serata saranno eseguite anche alcune composizioni per archi selezionate dalla “call for works” A Minimal View. con l’esecuzione di musiche di David Bridges, Diana Perez, Jing Jing Luo, Gregory Carl Pfeiffer, Pablo Rago, Giovanni Sparano, Willian Lentz.
Il Quartetto Paul Klee ha pubblicato qualche anno fa per l’etichetta Blue Serge un CD con l’integrale dei cinque quartetti d’archi di Glass, e il suo repertorio affonda le proprie radici nelle opere del Novecento Storico, rivolgendo la propria curiosità ed interesse verso la musica dei nostri giorni e proponendo abitualmente opere in prima esecuzione. Ha inciso inoltre per le etichette Stradivarius, Niccolò e New World Record.

Mercoledì 21 giugno si celebra la Festa Europea della Musica con tre appuntamenti alla Sala Fronte del Porto al Porto Astra: alle ore 17 la maratona pianistica degli studenti del Conservatorio Steffani di Castelfranco Veneto, a cui segue alle ore 20.45 Piano Performance di Alessia Toffanin; in chiusura alle ore 21.30 con Soirée Erik Satie – Un esprit français, nella quale il pianista francese Jean-Pierre Armengaud, che ha inciso l’opera completa di Erik Satie, alterna lettura di testi all’esecuzione di celebri musiche quali Gnossiennes, Sonatine Bureaucratique, Sports et Divertissements, concludendo con la proiezione di Entracte di Renè Clair con la musica di Satie suonata dal vivo.

L’appuntamento di Sabato 24 giugno è stato interamente dedicato alla musica di Philip Glass che è anche il filo conduttore di tutte le manifestazioni che occupano l’intero mese di giugno. Il programma del concerto è stato molto nutrito e nella prima parte ha avuto per protagonista il Quartetto del GMCS – Gruppo di Musica Contemporanea Steffani, composto da Louise Antonello, Luigi Di Francia, Leonardo Cester e Kateryna Bannik, brillanti studenti del Conservatorio di Castelfranco Veneto. Di Glass hanno presentato Quartet n. 2 – Company e Quartet n. 3 – Mishima, otre a tre brevi composizioni dei compositori John M. Kennedy, Max Trefan e Massimo Varchione selezionate dalla International Call A Minimal View
La seconda parte della serata ha avuto per protagonista il violinista Alessandro Fagiuoli, che accompagnato dall’orchestra GAV – Giovani Archi Veneti diretta da Lucia Visentin, ha presentato Violin Concerto n. 2 - The American Four Seasons, sempre di Philip Glass. Si tratta di un lavoro abbastanza recente del compositore di Baltimora, che ha avuto la sua prima esecuzione a Toronto nel 2010 con il violinista Robert McDuffy. Recentemente è stato inserito nel repertorio di Camerata Baltica con Gidon Kremer come solista. In Italia il concerto è ancora di rarissima esecuzione.

La rassegna si è chiusa venerdì 30 giugno alla Sala Fronte del Porto al Porto Astra con la proiezione dei video selezionati dalla call for works A Minimal View. Gli autori dei video sono Pietro Dossena, Lorenzo Squilloni, Pasquale D’Amico e Vlad Shuljienko A seguire sono stati presentati 10 video musicati dagli studenti della masterclass di Musica per Film tenuta da Franco Piersanti (autore tra l’altro delle colonne sonore della serie di film del Commissario Montalbano) al Conservatorio Steffani di Castelfranco Veneto. Ad arricchire e variare la serie dei video, due filmati a tema libero, una sorta di piccolo omaggio alla storia del cinema, Blanc et noir e Morire in levità.
Alle ore 22 in programma Koyaanisqatsi – Life out of balance, film di Godfrey Reggio, prodotto nel 1982 da Francis Ford Coppola con musica di Philip Glass.

 

Info
Centro culturale Altinate San Gaetano, via Altinate 71
Fronte del Porto, via Santa Maria Assunta 20
Sala delle Edicole, Piazza Capitaniato 3
La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 2 luglio 2017. Orario 10-19, lunedì chiuso. La mostra e gli eventi sono ad ingresso libero.

 

Comune Padova Settore cultura
Incontro della Cultura Padova

A Minimal View - La mostra

Interensemble e Intermusica Associati - © 2010 / 2017 - Tutti i diritti riservati

info@interensemble.it

Codice Fiscale 92024440288 - Partita IVA 01317690285

Interensemble è anche su